Chi sono

Instagram

Contattami

    Lifestyle

    Esiste una salute mentale migliore di un’altra?

    tessere che formano le parole inglesi per salute mentale

    La penultima volta che sono entrata su WordPress era dicembre 2020. Articoli scritti: mezzo; articoli pubblicati zero. Salute mentale: variabile in attesa di una possibile perturbazione.

    Cercherò di farla meno lunga possibile, è stato un anno intenso, fatto di scelte, traslochi, crisi e io non sono brava nella gestione di questi aspetti quando avvengono nella mia vita privata. Tanto nelle questioni professionali ho la dedizione di un pilota dell’aviazione giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale, quanto in quelle personali soccombo e tendo a fingermi morta.

    Nel momento in cui sto scrivendo, l’argomento del giorno riguarda l’atleta statunitense Simone Biles che ha deciso di ritirarsi dalle Olimpiadi di Tokyo per concentrarsi sul suo benessere psicologico. Voglio spendere due parole sull’avvenimento; non solo trovo che sia un’ammissione lecita, ma, come molte persone, credo che la salute mentale sia ancora un ambito troppo poco esplorato. Rilancio pure: la salute mentale dovrebbe essere considerata qualsiasi sia la situazione che l’ha compromessa.

    Mentre leggo i vari post che applaudono alla decisione di Simone Biles, mi chiedo se lo stesso effetto l’avrebbe sortito una persona qualunque che a un certo punto ammette con se stessa di non farcela più, senza nessuna pressione particolare addosso, senza pesi di alcun genere sulle sue spalle, rappresenterebbe comunque uno spunto di riflessione per qualcuno?

    Non fare di me un idolo, lo brucerò

    Nel 1994 usciva Ko de mondo, un album dei C.S.I. che conteneva una traccia intitolata A Tratti.

    Non fare di me un idolo, lo brucerò. Se divento un megafono mi incepperò. Cosa fare non fare non lo so. Quando dove perché riguarda solo me. Io so solo che tutto va ma non va.

    A parte il fatto che io potrei esprimermi quasi esclusivamente attraverso i loro testi, ma trovo particolarmente pertinente quella frase. I personaggi in vista che dichiarano le proprie emozioni negative sono un bell’esempio per chi ancora non riesce o non vuole esternare le proprie. È un buon punto di vista, ma è l’unico? E se paradossalmente mettessero ancora più ansia perché i loro crolli sono più “giustificati” di altri? Se in generale ci fosse una salute mentale di cui si può parlare e una salute mentale che non genera discussione?
    Può sembrare farneticante come discorso, ma su di me, per esempio, le esperienze di persone famose hanno un effetto di condivisione minore di persone che conosco davvero. Tra le stesse persone che conosco, solo un’esigua parte è quella a cui rivelerei certe fragilità e non è una parte necessariamente composta da parenti o amici di lunga data.

    Salute mentale, ma di chi?

    Avevo iniziato con l’idea di scrivere del breve viaggio a Siracusa, poi mi sono resa conto che non entravo su WordPress dal 2020 e mi sono chiesta il perché. La risposta più vicina alla sincerità è: non ce la facevo e non ce la faccio più dell’indistinto brusio di cui canta Giovanni Lindo Ferretti, che non c’è niente che non vada eppure non va.

    Sto a fatica abbracciando il fatto che io sto male in un modo che è mio e che posso scegliere se e come condividerlo. Sto venendo a patti che gli idoli da social mi mettono agitazione e non innescano alcun processo di identificazione. Che alcune parole e persone mi provocano rabbia, frustrazione e noia, anche quando stanno sedute dalla mia parte ideologica del tavolo. Che sdoganare il malessere è cosa buona e giusta, ma rispettarne le modalità è divino. Che il silenzio non è sempre ignavia, non siamo i commercialisti gli uni degli altri chiamati a sapere a chi va il nostro cinque per mille.

    In conclusione, mi sono persa. Ero partita con un’idea e sono finita a dovermi ricordare che la condivisione non ha un’unica accezione e nessun attestato di partecipazione.

    Post Scriptum

    Scriverò di Siracusa, ma non è questo il giorno. Se però avete voglia comunque di evadere, c’è sempre un mio vecchio articolo su Palermo.

    Polpi in mostra su un banco del mercato di Ballarò a Palermo. L'ho scelta per introdurre un mio vecchio articolo sulla città siciliana
    Photo by Cristina Gottardi on Unsplash

  • Cappuccetto rosso e il lupo
    Racconti

    Cappuccetto Rosso. Un racconto punk

    Nelle puntate precedenti Previously on “Come mai la mia vita scorre così in fretta e io ancora devo completare la casa dei miei Sims?”: fare piccoli passi ma farli, per mettere…

  • Travel

    BTO. Buy Tourism Online. Parte II

    Negli episodi precedenti, ho approfondito cosa fosse il BTO e quali i suoi concetti chiave. In questa seconda parte mi concedo ancora alcune considerazioni sull’evento prima di dichiararlo definitivamente chiuso. Ci…

  • Travel

    BTO. Buy Tourism Online. Parte I

    Questo, per me, è un periodo particolarmente denso e mentre lo scrivo penso che tutti i periodi mi sembrano così, ma è vero finché non ne arriva uno più potente, come…

  • Lifestyle

    2019. Una non lista di buoni propositi

    Ho pensato a lungo se partecipare anche io al tradizionale resoconto dell’anno che sta per concludersi così da fare posto ai prossimi dodici mesi nuovi di zecca e la risposta, mi…

  • Travel

    New York, un posto da chiamare casa

    PREVIOUSLY ON KILLBILLA: Questo su New York è l’articolo che segue quello su New Orleans che potete trovare qui. Entrambi i racconti di viaggio fanno parte della stessa vacanza che io e…

  • Travel

    Saluti e baci da Palermo

    Ci sono periodi della vita stressanti e poi ci sono periodi della vita in cui anche lo stress è così stressato, da aprire una spaccatura spazio-temporale per cui i possibili scenari…


Warning

: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.killbilla.it/home/wp-content/plugins/ginger/front/gingerfront.core.php on line 117